Giuseppe Parisi

 

 

Tra i cinque caschi blu precipitati in Libano ( il 6/8/1997 NdR) c'era il nostro amico Giuseppe Parisi, che aveva cominciato con noi del 123° corso la sua carriera militare di pilota di elicotteri.

Se tu volessi ricordarlo insieme ai suoi colleghi, ti pregherei di farlo cosí come lo ricordano i suoi compagni di camerata sul nostro Numero Unico:

 

Ciao, Giuseppe
Aldo Danti - 123°

 

"PIPPO, simpatico, affabile e sempre sorridente, altro insostituibile elemento della Potente 2a camerata. É il furetto imprendibile della seconda compagnia; pronto allo scherzo, si esibiva in gigantesche russate dopo soli 30 secondi dal contatto col materasso. Candidato meritevole a restare come STen alla SMALP."

 

 

Lettera del padre del Magg. Giuseppe Parisi

 

AGLI UFFICIALI DEL 123° CORSO AUC DELLA SCUOLA MILITARE ALPINA-AOSTA

Carissimi Colleghi Ufficiali e Amici della redazione di SMALP.it, anche se con notevole ritardo, desidero ringraziare le LL.SS. per la commovente partecipazione che avete voluto dedicare al Vs. amato Collega di Corso Ufficiali, il Maggiore (f.) alp. Pilota dell'Aviazione dell'Esercito Giuseppe (Pippo) PARISI.

Oltre ai ringraziamenti vi comunico che su iniziativa del Sindaco di Soriano nel Cimino (VT), ove è sepolto Pippo e vive la sua famiglia, il 1° giugno p.v. alle ore 11.00 gli verrà dedicata una via comunale. Parteciperanno alla cerimonia autorità civili e militari e un picchetto d'onore dell'Aviazione dell'Esercito. Naturalmente saranno presenti le rappresentanze delle Associazioni d'Arma presenti sul territorio.

Al Vs. Collega Pippo sono state dedicate anche: la palestra alpina (con una lapide posta sul muro esterno ad essa) della Scuola Militare Alpina presso la Caserma Cesare Battisti in Aosta; una lapide sul monumento ai Caduti di Villeneuve (AO); una lapide nel piazzale della Base del 34° Gruppo Squadroni AVES "TORO" di Venaria dove Pippo ha comandato lo Squadrone Elicotteri Medi; una stele nel piazzale della Base elicotteristica di ITALAIR in Libano; una borsa di studio da parte del Comune di Torino. Sono allo studio altre iniziative.

La Procura della Repubblica di Roma, dopo sei lunghi anni di lente e disinteressate indagini, ha deciso l'archiviazione dell'affaire, al fine di accontentare qualche nazione colpevole dell'abbattimento del veivolo di Pippo e qualche nostro alto politico consenziente. Per contro, ho deciso di scrivere un libro sull'assassinio di mio figlio, dell'equipaggio e dei civili stranieri che erano presenti a bordo quella notte. Ci saranno molte novità….vergognose. Spero di poterlo dare alle stampe per la fine dell'anno (purtroppo dipende dai fondi!).

Un carissimo augurio a tutti Voi e alle Vs. Famiglie. Sarete sempre nel nostro cuore

Con affetto, viva il 123° Corso AUC, viva gli Alpini!
Saint Pierre (AO), li 24 maggio 2004